Vai ai contenuti

Menu principale:

Agrigento e la Valle dei Templi, guida per il turista | Agrigento and the Valley of the Temples, the guide for tourists

Cerca nel sito

La Valle dei Templi di Agrigento

Templi

La Valle dei Templi di Agrigento

Il percorso archeologico è un viaggio nel tempo lungo sentieri e paesaggi infiniti. Invita il turista ad inoltrarsi e ad ammirare i suggestivi resti delle gloriose civiltà del passato. La Valle dei Templi di Agrigento, dichiarata dall'U.N.E.S.C.O. nel 1997 patrimonio dell'umanità, rappresenta la testimonianza più sublime della civiltà greca in Sicilia. Lo sguardo si posa sui meravigliosi ruderi del tempio di Castore e Polluce e del tempio di Giunone o sull'imponenza architettonica del Tempio della Concordia. II mito narra che l'antica Akragas venne fondata da Agragante figlio di Giove e della ninfa Asterope. Secondo il racconto dello storico Tucidide, la città venne fondata nel 580 a.e. da un gruppo di abitanti di Gela provenienti da Rodi e Creta. Dieci anni dopo la fondazione ha inizio la tirannide di Falaride (570-554 a.e.), successivamenlc sotto il governo di Terone (488-472 a.c.) la città conosce il suo massimo periodo di splendore, caratterizzata da una grande fioritura artistica. Sconfitta e rasa al suolo nel 406 a.c. dai Cartaginesi, la città viene ricostruita a metà del IV sec. a.c da Timoleonte e a questo periodo risale la costruzione del quartiere ellenistico-romano. Nel 210 a.c. i Romani conquistano Akragas e ne modificano il nome in Agrigentum. Al V sec. risale la costruzione dei numerosi templi lungo la valle. La maggiorparte degli edifici, dopo la distruzione del 406 a.c, fu riedificata dai Romani nel I sec. a.c. Di grande importanza sono i resti del Tempio di Zeus Olimpio eretto in onore di Zeus dopo la vittoria sui cartaginesi (480 a.c.) ad Miniera. Era uno dei più grandi templi dell'antichità. Si trattava di un tempio dorico nel cui colonnato erano intervallate colossali ligure di giganti detti Telamoni una dei quali è conservato al Museo Archeologico Regionale. Al V sec. a.c. appartiene anche il Tempio di Castore e Polluce dedicato ai due gemelli figli di Zeus e Leda. Del magnifico edificio anche questo in stile dorico restano solo quattro colonne e una parte della trabeazione. Sulla destra rimangono i resti di un santuario in cui veniva compiuto il rito delle Tesmoforie dedicato alle divinità ctonie Persefone e Demetra. L'elegante Tempio di Eracle (Ercole) secondo le testimonianze di Cicerone e Tito Livio fu dedicato al semidio figlio di Zeus e Alcmena. Edificato negli ultimi anni del VI sec. a.c, è il più antico della valle. Del tempio restano le suggestive otto colonne in stile dorico rastremate verso l'alto. 11 Tempio della Concordia del 430 a.c è l'unico giunto nella sua integrità, ciò permette di apprezzare in pieno la sua eleganza ed imponenza. Rappresenta la transizione tra la forma arcaica e la classica. Notevole la presenza nel fregio di triglifi e metope non ornate da bassorilievi così come il frontone testimonianze dell'eccellenti maestranze locali. E' ignota la divinità a cui fosse dedicato, probabilmente ai Dioscuri o a Demetra. Il nome Concordia deriva da un'iscrizione latina ritrovata nelle vicinanze. Nel VII sec. il tempio viene trasformalo in basilica cristiana dedicata ai SS. Pietro e Paolo, restituito nel 1788 alle forme primitive. Situata nei pressi del Tempio della Concordia, la necropoli paleocristiana del IV-V sec. presenta sepolture a loculo e ad arcosolio. Sull'estremità della collina rivolto ad est, si trova il Tempio di Giunone Lacinia eretto intorno alla metà del V sec. a.c, dedicato a Giunone figlia di Saturno e Rea e protettrice del matrimonio e del parto. Il Tempio di stile dorico fu incendiato nel 406 a.c. Si conserva il colonnato parzialmente risollevato nel 900, all'interno rimangono le colonne del pronao e dell'opistodomo (locale posteriore destinato a conservare gli arredi del tempio e le offerte dei fedeli) ed il muro della cella dove anticamente era custodita la statua della divinità. Vicino ad esso si conserva l'altare del tempio in cui si svolgevano i sacri riti in onore della divinità.

Informazioni Visualizza la mappa Itinerari

Tempio di Era Lacinia (Giunone)
Temple of Hera (Juno) Lacinia

tempio di giunone, temple of juno, agrigento, valle dei templi

Alto sulla collina come un'offerta alla divinità, con le sue 25 colonne levate al cielo, domina il ciglione roccioso che costituiva l'inespugnabile baluardo dell'antica città ...continua

Tempio della Concordia
Temple of Concorde

tempio della Concordia, temple of concorde

Semplice nelle sue linee perfette, maestoso nella sua forma ed elegante, bello di quella sua particolare bellezza, è il tempio della concordia ...continua

Tempio di Eracle (Ercole)
Temple of Herakles (Hercules)

tempio di ercole, temple of hercules, agrigento, valle dei templi

Colonne e ruderi abbattuti dichiarano al visitatore che il tempio di Ercole, uno dei più belli dell'antichità, è ora ridotto a povere vestigia ...continua

Tempio di Zeus (Giove) Olimpico
Temple of Olympean Zeus (Jupiter)

tempio di giove olimpico, tempio di zeus, tempio di giove, agrigento, valle dei templi

L'enorme ammasso di rovine, disordinatamente abbattute sulla vastissima area, non può ancora darci l'idea di quello che fu il tempio di Giove Olimpico di Akragas ...continua

Tempio dei Dioscuri (Castore e Polluce)
Temple of Dioscuri (Castor and Pollux)

tempio dei dioscuri, tempio di Castore e Polluce, agrigento, valle dei templi

Il tempio di Castore e Polluce è quello che più rappresenta la sigla di Agrigento artistica. Castore e Polluce erano i gemelli nati dalla unione di Leda, la bella regina di Sparta, con Giove, mutatosi in cigno ...continua

Tempio di Efesto (Vulcano)
Temple of Hephaistos (Vulcan)

tempio di vulcano, tempio di efesto, temple of hephaistos, agrigento, valle dei templi

In ordine cronologico è l'ultimo dei templi agrigentini poiché risale alla fine del V secolo a.C.. Il tempio sorge all'estremità occidentale della "valle civita", sul ciglione roccioso che domina la riva sinistra del fiume Hypsas ...continua

Termpio di Asclepio (Esculapio)
Termple of Asclepios (Esculapium)

tempio di ascelpio, tempio di esculapio, Termple of Asclepios, esculapium, agrigento, valle dei templi

Sulla riva destra del fiume Akragas, quasi nascosti da una selva di mandorli, si trovano i ruderi del tempio di Esculapio ...continua

Santuario rupestre di Demetra
Rocky Sanctuary of Demeter

tempio di demetra e persefone, chiesa di san biagio agrigento, rocky sanctuary of demeter, agrigento, valle dei templi

Scendendo per una scala molto ripida, si accede al Tempio di Demetra ...continua

Tomba di Terone (Hereon)
Theron's Tomb

tomba di terone, Theron's Tomb, agrigento, valle dei templi

Sorge non lontano dalle mura meridionali dell'antica città, a pochi metri dal quadrivio di porta Aurea. E' a forma di torre leggermente piramidale di stile dorico-ionico ...continua

Oratorio di Falaride
Phalaris' Oratory

oratorio di falaride, museo archeologico di agrigento, Phalaris' Oratory, agrigento, valle dei templi

L'Oratorio di Falaride è un tempietto di tipo romano su alto podio con altare sulla fronte orientale ...continua

Museo Archeologico Regionale di Agrigento

Il Museo Archeologico Regionale di Agrigento fu inaugurato il 24 giugno del 1967; la sua costruzione risale al 1960 ed è opera dell'architetto Franco Minissi. Nonostante la grande importanza che ebbe Akragas tra le colonie greche della Sicilia e della Magna Grecia e nonostante la superbia delle testimonianze archeologiche e delle ricerche che erano state condotte da Pirro Marconi negli anni venti del `900 e da Pietro Griffo e suoi collaboratori negli anni '50, era mancato un istituto museale che rappresentasse degnamente la città della Valle dei Templi ...continua


Torna ai contenuti | Torna al menu